Facebook e l’username squatting

sab, 13 giugno 2009 - 1 minute read

Da poche ore, il social network Facebook consente agli utenti di scegliere un username. Il vantaggio di scegliere l’ username è chiaro: mentre finora ogni profilo era contraddistinto da una serie casuale di numeri, da oggi sarà possibile accedere al profilo o alla fan page attraverso un URL decisamente più facile da ricordare ed accattivante (www.facebook.com/username).

Qui l’annuncio di Facebook e la pagina di FAQ relativa al procedimento di registrazione.

Le vanity URL possono rappresentare sicuramente un buon strumento di marketing ma, allo stesso tempo, una nuova frontiera per il cybersquatting; personaggi famosi e aziende titolari di marchi corrono il rischio che altri possano registrare l’username corrispondente al proprio nome o al proprio marchio.

facebook logo

I titolari hanno avuto la possibilità di registrare i propri marchi su Facebook, al fine di bloccare gli URL corrispondenti, ma solo per un ristrettissimo lasso di tempo (non è più possibile compilare il relativo modulo).
Chi dovesse trovare il proprio nome o il proprio marchio già registrato può segnalare l’accaduto a Facebook compilando questo modulo, ma potrebbe essere troppo tardi; sul sito Assetize sono già in vendita alcuni username.

Vedremo se l’username squatting diventerà un problema simile al grabbing dei nomi di dominio; fatemi sapere nei commenti qui sotto cosa ne pensate, soprattutto con riferimento a come Facebook ha gestito la pre-registrazione dei marchi. Personalmente, credo sarebbe stato meglio concedere alle aziende più tempo per proteggere i propri marchi.

Tags: , , , ,