Tech.Law: “Retwittare o non retwittare: questo è il problema”

mar, 13 marzo 2012 - 1 minute read

“Reetweets are not endorsement” (trad. “i retweet non comportano necessariamente approvazione”). Nel corso degli utimi mesi, questa frase ha fatto la sua comparsa sui profili di molti utenti Twitter (in prevalenza, giornalisti), probabilmente in seguito all’adozione da parte di alcuni organi di informazione di social media policy. In tali documenti viene, infatti, disciplinato anche il codice di comportamento che i dipendenti devono rispettare nell’uso dei Social Media, eventualmente anche in ambito privato (possibilità di avere un’autonoma presenza e tipo di contenuti vietati, possibilità di indicare la propria appartenenza all’azienda anche sui profili personali, possibilità di interagire con la presenza aziendale).

Ma la frase “RT are not endorsement” ha davvero un significato e un’efficacia giuridica? Oppure è solo un nuovo“social status symbol”, un’espressione di moda, l’ennesimo disclaimer “copia&incolla” che si afferma sul Web?

Andiamo con ordine. Sulla natura del retweet ci sono diverse opinioni: per alcuni si tratta di semplice citazioneche non implica alcun sostegno o approvazione del messaggio retwittato.

(Continua a leggere su TechEconomy.it)

Twitter For Dummies

Tags: , ,